Per i Sostenitori

Informazioni sul servizio     Le novità del servizio    Accedi / Iscriviti per sostenerci e ricevere il servizio

Come forse già sapete, se ci seguite da tempo, il nostro Istituto non riceve aiuti istituzionali, non gode della protezione di alcun potente,  non è una copertura per i finanziamenti dei politici e neppure è mantenuto da essi per dare lavoro a qualche loro protetto, parente o cortigiano. 

L’Istituto ha potuto svolgere una lunga attività soprattutto grazie all’autofinanziamento da parte dei soci e all’aiuto dei sostenitori, coloro che ci conoscono e ci stimano perché hanno sperimentato in prima persona i nostri servizi e prodotti, utilizzandoli per la loro stessa formazione e per svolgere attività educative. 

Nell’ideare questo Portale di servizi educativi, formativi e informativi, abbiamo quindi voluto dare rilievo al ruolo degli iscritti sostenitori, dedicando loro un servizio specifico anche per ringraziarli per non averci mai abbandonato, soprattutto nei momenti peggiori, quando sedicenti partner istituzionali nominalmente interessati a ricevere i nostri servizi o a finanziare progetti di loro interesse non hanno fatto la loro parte lasciandoci gli oneri e la responsabilità di portarli a termine da soli. 

Mentre ci adoperiamo affinché il numero dei sostenitori aumenti – anche grazie al servizio informativo e propedeutico “per tutti” – vogliamo premiare quanti continuano o iniziano a seguirci contribuendo come possono alla copertura delle spese per la realizzazione dei progetti, di cui essi stessi, i loro allievi e i loro cari sono i primi sperimentatori e fruitori. 

È dunque a voi sostenitori che ci rivolgiamo qui, voi che ci seguite,  ci incoraggiate e ci sostenete come potete quando ne abbiamo bisogno. 

Noi vi apprezziamo perché, a differenza di altre persone o Istituzioni che a molta distanza ci inviano attestazioni di stima, voi ci aiutate materialmente oltre che idealmente, seguite con assiduità le nostre attività online e offline, promuovete con il passaparola il nostro lavoro, sperimentate per primi i nostri nuovi servizi e prodotti, ci inviate i vostri feedback e attendete lo sviluppo dei nostri progetti come imperdibili sorprese, come dei regali graditi per poter passare dei bei momenti in compagnia dei vostri cari e dei nostri maestri.

Mentre auspichiamo che una parte di voi voglia spingersi anche più in là (fino a diventare nostri diretti collaboratori), con questo nuovo servizio ci rivolgiamo a tutti voi non presumendo che siate o vogliate diventare dei professionisti della narrazione o  nostri collaboratori. Noi pensiamo a voi sostenitori anzitutto come persone comuni che non si rassegnano a nutrirsi di di spazzatura e che cercano, spesso rimanendo delusi, prodotti di qualità che sono sempre più assenti dal mercato della cultura di massa. 

Voi che non avete trovato strumenti adeguati per agevolare la crescita vostra e dei vostri cari ora potete aiutarci in tanti modi a crearli, e per questo, oltre ad esservi grati, vi considereremo parte essenziale del nostro Istituto, aprendovi i nostri archivi e dandovi sempre accesso in anteprima ai risultati del nostro lavoro

Inoltre abbiamo studiato esclusivamente per voi questo nuovo servizio, continuativo e sistematico, costituito da delle vere e proprie «sorprese editoriali», che creeremo appositamente per ricambiare la vostra generosità, per aiutarvi nella ricerca di cose belle e preziose da fruire e da far fruire ai vostri cari e allievi.

Con questo servizio intendiamo infatti mettere o rimettere in circolazione, far conoscere e apprezzare piccoli e grandi capolavori narrativi del presente e del passato che potrebbero essere sfuggiti o mai giunti alla vostra attenzione a causa dell’incuria editoriale, delle politiche culturali stagionali e di quella devastante diffusione della cultura di massa che ricopre e fa sparire ogni traccia della nostra tradizione umanistica. 

Per attuare questo servizio abbiamo deciso di assumere un doppio ruolo: 

– quello di cercatori di perle, quelle poche e ancor più preziose che continuano con fatica a nascere ma finiscono per essere trascurate e confuse nel mare dell’informazione e della distribuzione digitale dei Network, interessati soprattutto all’attualità e alle mode; 

– quello di editori e curatori di capolavori dimenticati persi negli anni perché non più ristampati, mai tradotti, non più rieditati, ma che riteniamo meritino di essere ancora e sempre conosciuti, apprezzati e studiati per le stesse ragioni per cui noi svolgiamo questa attività: per riscoprire e apprendere la lezione dei grandi maestri della narrazione artistica, le loro straordinarie competenze, scientifiche e artistiche, racchiuse in ognuno dei loro capolavori. 

Attraverso una newsletter, l’apertura di canali social rivolti direttamente a voi, e una partnership a distanza con altri soggetti interessati come noi a mantenere viva la qualità dell’arte, vi aiuteremo a scovare rare produzioni artistiche del presente e del passato tra i canali distributivi a cui potete facilmente accedere; e al contempo vi daremo accesso ai piccoli e grandi capolavori del passato che negli anno abbiamo ritrovato, editato o rieditato, scansionato, restaurato, tradotto, impaginato  e raccolto  nella nostra «Bibliomediateca analogica e digitale».  

Oltre ad aiutarvi nella ricerca di meraviglie di cui circondarvi e con cui nutrire la mente dei vostri cari vi offriremo le nostre lezioni per estrarre le straordinarie competenze degli autori di qui tesori. 

Il nostro servizio “per i sostenitori”, come quello “per tutti”, vuole essere un tentativo di contrastare il degrado culturale che stiamo vivendo, non solo mettendovi a disposizione prodotti di qualità che non trovano posto nelle vetrine dei canali istituzionali, ma anche segnalandovi quali prodotti disponibili sul mercato possono meritare la vostra attenzione e il vostro tempo, e infine insegnandovi a distinguere la qualità nella quantità tra gli innumerevoli titoli sempre più accessibili attraverso i grandi distributori di contenuti digitali. 

In questo modo potremo: 

– da un lato segnalarvi prelibatezze a voi sconosciute con cui nutrire la mente; 

– da un altro aiutarvi ad affinare il gusto e prepararvi ad apprezzarle. 

Ognuna delle «sorprese» che vi sottoporremo merita di essere diffusa per le innumerevoli qualità che racchiude, così come voi meritate di poter gustare cose migliori di quello che vi viene offerto in quantità dai grandi distributori di contenuti per via analogica o digitale.

Dal momento che le politiche culturali attuali tendono a sfruttare il degrado culturale piuttosto che contrastarlo con piani di crescita culturale, l’impegno ad offrire “a tutti” e “ai sostenitori” un servizio informativo e formativo di base vuol essere «il nostro modo» per attuare una politica culturale diffusa al di fuori di quelle istituzioni che per troppo tempo abbiamo ricercato invano come partner e da cui siamo rimasti profondamente delusi. 

Nel nostro piccolo vogliamo offrirvi un servizio per certi versi simile e per certi altri del tutto diverso rispetto a quello che vi offrono i grandi distributori di contenuti culturali, senza entrare in alcun modo in competizione con essi ma valorizzando i loro titoli di qualità e facendovi conoscere titoli che essi erroneamente non ritengono appetibili per i loro utenti.

Il nostro servizio, unendo sistematicamente la fruizione allo studio reticolare dei testi, vuole riempire un buco che né la scuola, a qualunque livello, né le Istituzioni culturali, che dovrebbero tutelare e diffondere la conoscenza dei beni della nostra tradizione umanistica, stanno colmando. 

Tanto meno i nuovi grandi distributori di contenuti appaiono interessati ad offrire, oltre ai titoli del loro catalogo, anche strumenti per discernere, distinguere e apprezzare la qualità, altrimenti i loro stessi utenti scoprirebbero che la maggior parte dei titoli che compongono la loro offerta sarebbero da cestinare. Come avrete notato, a parte casi eccezionali, soprattutto legati alla diffusione della cultura musicale, i grandi distributori non garantiscono nell’offerta, per quanto vasta, uno spazio adeguato per la qualità dell’arte, meno che mai del passato.

Noi cercheremo dunque di unire alla nostra selezione di titoli di eccezionale qualità artistica anche un’offerta di strumenti equivalenti e adeguati, per qualità scientifiche, con cui potrete apprezzare meglio le qualità dei primi: i nostri «ausili» avranno la forma di piccole lezioni, letture didattiche, consigli di letture saggistiche da abbinare a quelle narrative.

In quanto nostri sostenitori potrete anche partecipare alle lezioni settimanali che rivolgiamo ai nostri collaboratori e allievi per insegnare loro come studiare i capolavori artistici e come trasformarli in manuali per apprendere gli insegnamenti in essi racchiusi.

Il nuovo servizio, che  alcuni di voi hanno già potuto testare attraverso le piccole e grandi sorprese che abbiamo potuto offrirvi negli anni per ringraziarvi del vostro disinteressato sostegno, consiste dunque nel: 

– segnalarvi cose che in molti casi potrebbero esservi sfuggite essendo disperse nel grande mare dell’informazione distribuita digitalmente, che punisce i classici e premia la spazzatura, 

– e al contempo aiutarvi ad affinare il gusto e prepararvi per poterle apprezzare come esse meritano e come voi meritate di poter gustare, anche se non siete dei professionisti della narrazione e non fate il nostro lavoro. 

Insomma ci auguriamo di riuscire a nutrire la vostra mente con tanti «cosa» e altrettanti «come», cioè sia con oggetti meritevoli di attenzione sia con strumenti adatti per cogliere almeno in parte le innumerevoli qualità che tali oggetti possiedono. 

Questo nuovo servizio va inteso come complementare a quello svolto dalla nostra “Edumediateca” – che è rivolta direttamente agli  educatori affinché possano occuparsi meglio della crescita intellettiva e morale dei loro allievi –  ed è propedeutico a quello svolto dalla nostra “Scuola di narrazione”, rivolta specificamente a coloro che svolgono già o che vorrebbero svolgere mestieri legati al narrare. 

Il servizio, lo ripetiamo, è rivolto potenzialmente a tutti, anche a coloro che non non fanno gli educatori e non sono o non vogliono essere professionisti della narrazione. Ma è rivolto principalmente a voi, in quanto fruitori dei contenuti che vi vengono offerti in quantità dai network, a voi che siete alla ricerca di cose belle da vedere ascoltare e leggere, a voi che volete capire come poterle apprezzare più di quanto riuscite a fare con i mezzi che avete a disposizione. 

Pertanto in primis è un servizio di ricerca e di segnalazione di cose preziose sepolte sotto il cumulo di spazzatura della cultura di massa, ma è anche un servizio per insegnarvi a pescare, cioè a trovare voi stesse altre belle cose, o almeno ad apprezzare le cose che troveremo per voi. 

Cercheremo delizie per stimolare la vostra mente e farvi ottenere un piacere più raffinato. Vi segnaleremo e troveremo sempre pane per i vostri denti anche sfidandovi a scoprire e apprezzare cose che non corrispondono ai gusti consolidati a cui vi siete abituati. 

Ma insieme alle cose che cercheremo per voi vi offriremo sempre gli occhiali più adatti per poterle apprezzare. In questo modo non dovrete più sprecare tempo e risorse per cercare, testare, e poi pentirvi di quel che avete acquisito e iniziato a fruire. 

Con il nostro aiuto potrete trovare qualche perla persino nelle offerte dei network che contengono una percentuale minima di opere qualitativamente ragguardevoli. Grazie al nostro servizio potrete sempre fruire di opere sempre qualitativamente interessanti, anche quando sfideranno il vostro gusto e le vostre abitudini. 

Sia chiaro che noi non siamo distributori di contenuti, non siamo un nuovo network; possiamo solo farvi entrare in punta di piedi nella nostra personale Bibliomediateca. 

Con le nostre introduzioni e lezioni vi faremo venir voglia di vedere, ascoltare e leggere tante cose correlate tra loro, ma non vi lasceremo soli neppure nella ricerca delle tante cose che potrete scoprire e che vorrete fruire grazie ai nostri stimoli. Vi indicheremo dove eventualmente trovare le migliori edizioni, e nel caso sia estremamente difficile reperirle, vi aiuteremo a trovarle e fruirle.

Oltre a segnalarvi una nuova edizione dell’opera di Lubitsch o di Truffaut, una degna edizione di un’opera musicale divenuta introvabile se non nel mercato dell’antiquariato, noi vi daremo accesso alle opere, rare e non più distribuite, che conserviamo per il nostro lavoro nella nostra Bibliomediateca. Vi faremo scoprire i documenti preziosi e introvabili da noi reperiti negli anni per la nostra Bibliomediateca di risorse da valorizzare.  

Con l’apertura del portale, e con il trasferimento di gran parte della nostra attività online, noi riprenderemo a raccogliere – non più solo per noi – rarità di valore inestimabile; le digitalizzeremo, le convertiremo e le renderemo disponibili sia per i nostri collaboratori che per voi che ci aiutate a continuare la nostra attività principale, che consiste nel costruire nuovi strumenti di studio: i manuali, che non esistono più o ancora, per imparare a fare arte con la scienza, per ricavare e applicare la lezione dei maestri racchiusa nei loro capolavori.