La Scienza Segreta dell'Arte Narrativa

Il nuovo Portale dell’Istituto MetaCultura, dedicato alla Narrazione e alla Composizione Artistica con ogni Forma Espressiva. Il luogo ideale per apprendere, studiare, insegnare e praticare la lezione metodologica racchiusa nelle opere dei Maestri

Il nostro nuovo Portale è rivolto anzitutto a chi ama i «classici» della letteratura e della musica, del teatro di prosa e musicale, delle arti visive e del cinema, ma anche a chi non li conosce o non li conosce a sufficienza e vuole scoprirne i «complessi meccanismi di funzionamento».

In tutti i casi il Portale è il luogo ideale per quanti – per ragioni educative, professionali, o per passione – desiderino imparare, da maestri d’eccezione, «come» essi abbiano creato capolavori divenuti patrimonio immortale dell’umanità.

Il Portale è infatti concepito per far scoprire o riscoprire, apprendere e diffondere, attraverso lo studio dei «classici», quegli insegnamenti metodologici universali che essi racchiudono, indispensabili per poter apprezzare e praticare la narrazione artistica in ogni sua forma, anche nell’era dell’informazione digitale e di internet.

Il Portale ha quindi una doppia funzione:
– da un lato incentivare la ripresa della «tradizione umanistica» (non solo del suo studio), anche in un secolo che sembra fare di tutto per dimenticarla;
– da un altro trarre proprio da essa, dai suoi capolavori, gli strumenti più idonei per formare gli umanisti del futuro: coloro che auspichiamo possano tornare a creare opere utilizzando le medesime abilità dei grandi maestri del nostro passato, imparando a padroneggiare quegli strumenti elaborativi, necessari per fare arte con la scienza, che purtroppo non fanno più parte del bagaglio di competenze degli autori contemporanei e di chi dovrebbe formarli.

Nei nostri «Ambienti di Studio», vi faremo scoprire – e, se vorrete, anche apprendere – le straordinarie soluzioni narrative e compositive racchiuse nelle opere immortali degli umanisti che hanno creato il Patrimonio artistico di cui siamo diventati tutti indegni eredi.

Saranno dunque particolarmente benvenuti tutti coloro che amano la tradizione umanistica e vogliono contribuire a mantenerla viva, in qualità di fruitori o autori, di studenti o insegnanti, di studiosi o amatori, di sostenitori o partner in questa nostra donchisciottesca impresa.

La nuova versione del Portale ha avuto una lunga gestazione prima di apparire in rete. Chi ha frequentato il precedente si accorgerà subito che il nuovo Portale non è più solo uno strumento di informazione sull’attività del nostro Istituto, ma anche un ambiente operativo, sia per svolgere l’attività interna all’Istituto stesso, sia per erogare servizi rivolti all’esterno, indirizzati a diverse tipologie di utenti.

La costruzione del nuovo Portale ha coinciso infatti con la decisione di trasferire on-line tutta l’attività dell’Istituto MetaCultura, trasformando via via gli strumenti e i prodotti da noi realizzati – fino ad oggi offerti solo parzialmente in versione digitale, e per lo più off-line – in innovativi servizi digitali fruibili completamente online, concepiti per sfruttare a pieno la «reticolarità logica» intrinseca degli strumenti e dei prodotti da noi realizzati.

Da quando abbiamo cominciato a progettare il nuovo Portale abbiamo ripreso a sviluppare in nuove modalità anche i «Sistemi di Studio Reticolare», che, come forse saprete, contraddistinguono la nostra ricerca. Li abbiamo ripensati sul piano tecnologico affinché possano sfruttare pienamente le possibilità e le soluzioni offerte oggi dalla rete e dalle tecnologie ipermediali.

A tale scopo abbiamo anche elaborato una piattaforma tecnologica e-learning che faciliti lo sviluppo e la distribuzione delle nuove versioni dei Sistemi di Studio Reticolare, valorizzandone l’architettura logica «labirintica».

Dopo anni di silenzio possiamo finalmente accogliere i vecchi e i nuovi utenti offrendo:

– informazione, anzitutto tramite il nostro Portale, dove renderemo progressivamente disponibili online tutti i progetti attuali e passati, i nostri studi, e la documentazione relativa alle attività svolte e in corso; e dove forniremo aggiornamenti sullo stato di avanzamento di ogni progetto. Poi, attraverso il Magazine “L’Umanista”, vogliamo creare uno strumento di dialogo tra umanisti del passato e del mondo contemporaneo, e fornire a tutti gli utenti e collaboratori una bussola per orientarsi tra le offerte culturali e educative dell’Editoria, delle Piattaforme digitali e delle Istituzioni dello Spettacolo, per poter riconoscere e riscoprire, tra la quantità delle proposte, le qualità di quei capolavori immortali della tradizione umanistica seppelliti, dimenticati, e spesso sostituiti dalla cultura di massa;

– formazione, che verrà rivolta tanto a educatori per passione e per professione interessati a utilizzare i nostri strumenti sia per la propria crescita che per quella di loro allievi o assistiti, quanto ancora ai professionisti della narrazione, e ovviamente ai collaboratori dell’Istituto. A tale scopo offriremo sia Cicli di lezioni multimediali in streaming live o podcast, sia i «Sentieri Esplorativi» e i «Sistemi di Studio Reticolare», che metteremo a disposizione di tutti gli iscritti alla nostra “Scuola di Narrazione Artistica Poliespressiva”;

– didattica, che verrà rivolta sia direttamente ai nostri allievi (giovani e meno giovani, studenti e professionisti), sia indirettamente agli allievi degli educatori; e verrà erogata sia attraverso Cicli di lezioni online sia attraverso i nostri «Sentieri Esplorativi» (compresi quelli già realizzati offline, che stiamo trasformando e implementando per renderli fruibili esclusivamente online);

– partecipazione, ovvero l’opportunità di diventare nostri Tirocinanti, Partner, Sostenitori membri del nostro “Circolo dei Cercatori di Tesori nei Territori Inesplorati dell’Arte Narrativa”, o addirittura Soci Collaboratori nella produzione, distribuzione e promozione dei nuovi progetti che abbiamo intenzione di realizzare;

– accessibilità a innumerevoli risorse di qualità – per lo studio e la ricerca, lo sviluppo di progetti, la didattica e l’apprendimento – attraverso la progressiva digitalizzazione dei nostri Archivi e l’implementazione delle nostre Bibliomediateche, a partire dalla “Bibliomediateca di risorse umanistiche” e dalla “Bibliomediateca Virtuale dei Capolavori della Narrazione artistica di ogni tempo, luogo, e forma espressiva”. Grazie al contributo dei membri del nostro Circolo – i Cercatori -, e tramite partnership con altri depositari e curatori di preziose risorse documentali online, potremo rendere progressivamente fruibili online tutte le le nostre Bibliomediateche e trasformarle in Servizi per utenti anche esterni, non iscriti ai servizi distribuiti dal Portale.

Nelle apposite sezioni, accessibili dal menù, troverete indicazioni anche su «come» sostenere le nostre ricerche e lo sviluppo dei nuovi progetti, su come poter collaborare, e su come aiutarci ad estendere, entro e oltre i confini nazionali, l’area di utenti a cui i nostri servizi sono indirizzati.

Come molti di voi già sanno, i servizi dell’Istituto sono rivolti – direttamente – a formatori, autori e studiosi, ma anche – indirettamente – ai loro utenti, in particolare a studenti di ogni età.

Con i nostri servizi ci proponiamo infatti di potenziare gli strumenti di studio a disposizione del mondo umanistico, e di contribuire, in tal modo, a preparare gli «umanisti dell’era digitale», insegnando loro ad apprendere, trasmettere e sviluppare – anche con l’aiuto delle nuove tecnologie – la lezione insuperata dei grandi maestri del passato.

Saranno particolarmente benvenuti quanti ci aiuteranno a tradurre i servizi del Portale in altre lingue, e quanti si faranno promotori di iniziative per far conoscere le nostre attività in ambiti non ancora raggiunti, per favorire partnership, collaborazioni e interazioni con realtà complementari alla nostra.

Fino ad oggi ci siamo concentrati soprattutto sulla creazione di «prototipi» di innovativi strumenti di Studio, ma abbiamo anche ideato, condotto e organizzato attività sperimentali in diversi contesti, per formare gli utilizzatori e per mostrare le potenzialità dei nostri strumenti in molteplici ambiti, educativi e professionali, formativi e didattici, di studio e di progettazione.

Ora, attraverso la Rete, vogliamo far conoscere ed espandere la nostra attività anche dove non possiamo giungere direttamente; intendiamo ricercare nuovi partner e sostenitori, erogare i servizi agli utenti direttamente attraverso il Portale, insegnare ai nostri iscritti, formare formatori e nuovi collaboratori.

Nella sezione dedicata a “La nostra storia” scoprirete che non abbiamo mai smesso di operare. Grazie al volontariato dei collaboratori che abbiamo formato negli anni, l’Istituto ha continuato, in certi periodi più lentamente e in altri più intensivamente, a ideare e sviluppare nuovi progetti, e a implementare quelli già in parte attuati.

In tutto questo tempo è certamente mancata un’adeguata attività promozionale. Dovendo scegliere come impiegare le poche risorse disponibili, abbiamo privilegiato il «fare» al «comunicare». In controtendenza con la pratica comune di investire risorse per «dimostrare» ciò che non si è fatto, noi abbiamo semplicemente preferito fare e «mostrare» quello che via via realizzavamo; e con il «passaparola» abbiamo ottenuto, nel tempo, il riconoscimento e l’apprezzamento dei nostri reali utenti e sostenitori (piuttosto che l’ammirazione e l’invidia di effimeri e falsi partner), che continuano a seguirci.

Ora, attraverso il Portale, renderemo sempre più visibili e fruibili i risultati della nostra attività, dai primi prototipi delle fasi sperimentali ai modelli perfettamente funzionanti e ormai consolidati, dai progetti già attuati a quelli in corso di sviluppo o in attesa di realizzazione.

Inoltre, per promuovere al contempo lo studio della Narrazione Artistica e i nostri appositi «Ambienti di Studio» Online, abbiamo previsto un primo livello/ambiente a libero accesso, nell’articolazione della nostra Scuola, attraverso cui daremo a tutti i nostri potenziali utenti la possibilità di testare i nostri servizi e di valutare di persona cosa potrebbero ricavarne.

Non possiamo chiudere questa presentazione del Portale senza ringraziare anzitutto i nostri collaboratori, quelli attuali e quelli che hanno creato con noi l’Istituto, nonché quelli che per lunghi periodi hanno partecipato alle nostre attività e ci hanno aiutato a sperimentare e a perfezionare le nostre “Tele” e i nostri “Sussidi” ipermediali molto tempo prima che questi confluissero nel modello di «Sistema di Studio Reticolare» che da diversi anni stiamo sviluppando e applicando nella realizzazione dei nuovi servizi.

Ringraziamo quindi coloro che da tempo attendono di poter seguire le nostre attività online, che ci hanno aspettato con tanta pazienza e che sicuramente ci aiuteranno a creare una nuova stimolante ed esigente utenza online.

Ringraziamo infine quanti vorranno scegliere i nostri servizi per loro stessi e per i loro cari e allievi, aiutandoci così a continuare a credere in questa impresa tanto nobile quanto donchisciottesca.

A Donchisciotte e a tutti i donchisciotte di questo mondo avvelenato dal cinismo va la nostra simpatia, convinti, come il protagonista del capolavoro di Cervantes, che non sia un’operazione nostalgica quella di rivolgersi al passato per trarre gli strumenti con cui affrontare le sfide del futuro.

In un mondo in cui i cavalieri erranti sono stati sostituiti da inadeguati succedanei, noi pensiamo che a rappresentare la nobiltà degli ideali cavallereschi sia ancora – e sempre più – adeguato quel vecchio pazzo che ha nutrito il suo animo con le storie delle loro imprese; quel personaggio che è diventando, suo malgrado, il custode dei loro ideali, in grado di mostrare e insegnare, con l’esempio, come ci si comporta, disinteressatamente e perciò nobilmente, quando si vuole compiere una grande impresa.